Tempio di Diana Nemorense

Il complesso era esteso su un'area di 45.000 metri quadrati[1] dal perimetro di 200 metri per 175, sostenuta a valle da sostruzioni triangolari e a monte da nicchioni semicircolari in cui probabilmente vi erano delle statue e un terrazzamento superiore.

All’interno della piattaforma correvano due portici di ordine dorico, uno con colonne intonacate in rosso, l’altro con colonne di peperino grigio scuro.

La storia

C’erano statue, ambienti per i sacerdoti, alloggi per i pellegrini, celle donarie, un tempio, bagni idroterapici e perfino un teatro; di tutta questa struttura sono visibili una parete di grandi nicchioni, una parte del pronao con almeno un altare votivo, ed alcune colonne.

Vuoi scoprire cosa puoi prenotare?

Una raccolta di alcune delle bellezze che puoi trovare nei territori di Albano Laziale, Lanuvio e Nemi. Un viaggio tra storia e natura da vivere grazie al Consorzio Enolan.

Un progetto volto alla creazione di una sinergia di territori limitrofi, con lo scopo comune di valorizzare un patrimonio storico/paesaggistico ed enogatronomico di enorme valore

placeholder
Davide Battista
Consulente, Enolan

Vuoi prenotare in uno dei luoghi appartenenti al circuito Enolan?

Questo sito web utilizza i cookies e raccoglie alcuni dati di navigazione per migliorare la tua esperienza.